Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli Presidio a Roma contro Erdogan per la liberazione di Abdullah Öcalan


Presidio a Roma contro Erdogan per la liberazione di Abdullah Öcalan

oclan

Si è svolto a Roma martedì 26 luglio 2016 a piazza Santi Apostoli il presidio per la liberazione del leader curdo Abdullah Öcalan.......


La liberazione di Öcalan rappresenterebbe un fondamentale contributo alla soluzione del conflitto nel Bakur (ovvero il Kurdistan turco). Continuare a mantenere il silenzio e a isolare Öcalan significa contribuire ad ignorare la questione curda in Turchia e non riuscire a compiere passi concreti verso le riforme politiche per una reale democratizzazione.
Fallire nel risolvere tale questione, sotto un profilo umano nonché secondo i valori del diritto internazionale, equivale ad evidenziare il fatto che la Turchia non ha alcuna intenzione di sostenere i diritti umani universali.
Tuttavia, il vero scandalo è rappresentato dal silenzio dei Paesi stranieri. La Convenzione europea dei diritti dell’uomo è valida in ben quarantasette stati. Tuttavia, pare che per circa quaranta milioni di curdi non lo sia. E, non da ultimo, per Abdullah Öcalan (fonte: Rete Kurdistan Italia).