Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli agliari, il primo novembre sit-in a sostegno di Kobane e della Resistenza del Rojava


agliari, il primo novembre sit-in a sostegno di Kobane e della Resistenza del Rojava


In occasione della Giornata Mondiale di mobilitazione per Kobane la nascente Rete Kurdistan Sardegna ha organizzato un sit-in che si svolgerà in ,,,,,,,,,,

piazza Costituzione a Cagliari dalle ore 17.00. La giornata si inserisce all'interno di un mese di incontri dedicati al Kurdistan che avrà inizio il 29 ottobre e proseguirà per tutto il mese di novembre.
"A un anno dalla mobilitazione di massa degli attivisti di tutto il mondo, che ha creato la più vasta azione simultanea in solidarietà con il popolo curdo mai esistita, un altro appello ha chiamato gli attivisti a raccolta, ancora una volta, per Kobane il 1° novembre” sostengono gli organizzatori dell’evento.
“Stavolta, l’appello del Comitato per la Ricostruzione di Kobane, sostenuto dalla Commissione Civile Europea per la Turchia e dalla Campagna per la Pace in Kurdistan, è stato firmato da centinaia di individui e decine di organizzazioni che rappresentano migliaia di persone. I firmatari includono il Prof. Noam Chomsky, l’Avvocato Michael Mansfield QC, il famoso cantante palestinese Reem Kelani, e il difensore dei diritti umani Bianca Jagger, assieme ad accademici, artisti e attivisti illustri provenienti dai luoghi più remoti, come dal Messico, dalla Danimarca, dall’Afghanistan, dalla Catalunya, dai Paesi Baschi, dagli Stati Uniti e dall’India, tutti offrono il proprio sostegno”.
L’appello afferma: “Si dovrà pertanto fare pressione sul governo dell’Akp ad Ankara perché si prendano provvedimenti immediati per permettere che gli approvvigionamenti medici, alimentari e di vestiario essenziali arrivino a Kobane”. Chiede inoltre che il Cantone di Kobane, congiuntamente a tutti gli altri cantoni autodichiarati che compongono l’Amministrazione Democratica del Rojava, al nord della Siria, siano riconosciuti e sostenuti a livello internazionale.
Per celebrare la Manifestazione Globale per la Libertà e per la Ricostruzione di Kobane, com’è stato chiamato l’evento, le azioni avranno luogo in tutto il mondo questa domenica. Nel condannare il continuo embargo su Kobane, le azioni chiedono un corridoio umanitario che faciliti il passaggio degli aiuti nella città, che deve ancora far fronte agli attacchi di Isis e a un embargo da parte della Turchia, dal nord.
Come scrive il Consiglio Esecutivo di Kobane in una nota a sostegno della giornata di azione, il prezzo della vittoria a Kobane è stato elevato, con il 70% della città distrutta. Tuttavia, prosegue il comunicato: “La volontà, il desiderio e la determinazione delle persone a tornare alle loro case e far rivivere la loro città, sono molto forti, rendendoli la prima linea dell’umanità contro il terrorismo globale”.
Appuntamento quindi il primo novembre a Cagliari, in piazza Costituzione dalle ore 17:00.
redazione cagliaripad, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.