Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli Iraq, da inizio battaglia Mosul 67mila rifugiati in Kurdistan


Iraq, da inizio battaglia Mosul 67mila rifugiati in Kurdistan


Erbil: i Peshmerga ricevono circa 1.000 profughi al giorno .E' salito a........

67.000 il numero dei rifugiati nel Kurdistan iracheno da quando, lo scorso 17 ottobre, è iniziata la vasta offensiva lanciata dalle forze governative per la liberazione della 'capitale' irachenea dello Stato Islamico (Isis). Ad annunciarlo sono le autorità del governo della regione autonoma curda.
"Il numero totale dei rifugiati dopo l'operazione che ha portato alla liberazione di al Qayyarah (distretto a sud di Mosul) e le prime quattro settimane dall'offensiva per la liberazione di Mosul, è diventato di circa 67 mila persone, abitanti di zone a nord della provincia di Salhuddine (distretto di al Shrqat), sud di Mosul ed altre zone nel permitero e nella parte oriental del capoluogo", si egge in un comunicato di un centro di coordinamento del ministero degli Interni del governo autonomo curdo, come riporta stamane la tv satellitare Rudaw.
"L'84% dei rifugiati sono stati sistemati nel campo di Dibka, dove arrivano di media 100 persone al giorno portate dalle forze Peshmerga". Fonte:Askanews