Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli Iraq: da italiani lezione di diritto umanitario in guerra per forze curde


Iraq: da italiani lezione di diritto umanitario in guerra per forze curde

Nonostante la guerra a pochi passi nel Kurdistan iracheno, il contingente italiano si dedica anche ad attività addestrative non immediatamente militari: presso la base di...... Erbil, nell’ambito dell’addestramento che l’Italia conduce a favore delle Forze di Sicurezza Curde (KSF), il legal advisor del contingente italiano in Iraq ha tenuto una lezione di Diritto internazionale Umanitario e Diritto dei conflitti armati.

Sono stati affrontati temi riguardanti i ‘legittimi combattenti’ e i criminali di guerra, nonché gli usi della guerra, gli obblighi e i divieti che ogni combattente è tenuto a rispettare. Alle attività formative erano presenti anche alcuni Peshmerga che hanno già combattuto contro Daesh, e le lezioni sono state luogo di significativi momenti di crescita e confronto sulla necessità di rispettare le regole del Diritto Umanitario di fronte a chi fa del mancato rispetto delle regole il suo punto di forza.
Diritto Umanitario nasce come tale a partire dal XIX secolo, ma i suoi principi si ritrovano nelle sacre scritture di tutte le religioni costituendo, di fatto, un insieme di regole cui nessuno può sottrarsi e in violazione delle quali ci si macchia di gravi crimini di guerra. Di fronte a tali crimini che quotidianamente il cosiddetto stato islamico perpetra, il rispetto delle regole di Diritto Umanitario è fortemente sentito dalle forze di sicurezza curde, , soprattutto da quei Peshmerga che, per mano dei terroristi hanno perso i familiari.
L’Italia con i suoi 950 uomini e donne rappresenta attualmente il secondo maggior contributore della coalizione guidata dagli Stati Uniti nella lotta a Daesh e con addestratori dell’Esercito e dei Carabinieri ha già formato nel Kurdistan iracheno e a Baghdad oltre 13 mila uomini e donne.
Fonte:onuitalia