Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli Al referendum sull’indipendenza del Kurdistan Iracheno hanno stravinto i favorevoli alla secessione dall’Iraq


Al referendum sull’indipendenza del Kurdistan Iracheno hanno stravinto i favorevoli alla secessione dall’Iraq

Il 92,7 per cento dei votanti al referendum sull’indipendenza del Kurdistan Iracheno che si........

è tenuto lo scorso 25 settembre si è espresso a favore della secessione dall’Iraq, dicono i primi dati ufficiali diffusi dal governo curdo. L’esito del referendum, osteggiato non solo dall’Iraq, ma anche da Turchia, Iran, Siria e Stati Uniti, era ampiamente previsto. Non è chiaro cosa succederà ora: il governo del Kurdistan Iracheno ha detto che non ha intenzione di proclamare unilateralmente l’indipendenza, ma di volere avviare dei negoziati con il governo dell’Iraq per iniziare una fase di transizione che porti all’indipendenza. Il governo iracheno non sembra comunque essere dello stesso avviso: negli ultimi giorni ha definito più volte “illegale” il referendum e ha detto alle autorità curde che non ci sarà dialogo finché i risultati della votazione non saranno ignorati. Fonte:ilpost.it