Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli Eddi dai No Tav alla guerra all'Isis: "Noi donne sempre in prima linea"


Eddi dai No Tav alla guerra all'Isis: "Noi donne sempre in prima linea"

di JACOPO RICCA
Dalla lotta No Tav alla militanza nelle Ypj, le Unità di difesa delle donne, le formazioni combattenti curde schierate in Siria contro........

. l'esercito del Califfato. Maria Edgarda Marcucci, 26 anni, era diventata un simbolo delle proteste contro l'alta velocità dopo essere sfuggita all'arresto per gli scontri di Chiomonte del 28 giugno 2015, tanto che anche il regista Paolo Virzì aveva scritto una lettera appello per lei. Ora lei ha scelto di andare a combattere con le milizie che difendono il Kurdistan dagli estremisti islamici.

La sua decisione di non consegnarsi subito alle forze dell'ordine - si era presentata in questura quattro mesi dopo il mandato di cattura - era diventata un vero caso, scatenando polemiche e prese di posizione politiche. Eddi, così è chiamata nel movimento e così si firma anche nella lettera pubblicata sul sito di Infoaut in cui annuncia la decisione di unirsi alle Ypj, spiega così la sua decisione: “Vi scrivo dalla Siria del Nord, un luogo che seppur martoriato da anni di dittatura e guerra civile, grazie all’enorme sacrificio di tante e tanti è oggi una terra libera. Una terra di libertà soprattutto per le donne, che sono l’avanguardia di questa rivoluzione. Questo protagonismo poggia su una chiara presa di posizione ideologica: il ruolo delle donne nella società è centrale ma schiacciato da millenni di patriarcato, il loro sfruttamento è il più brutale e radicato; se si vuole una società libera bisogna che le donne siano libere”.

La militante No Tav segue il solco di altri giovani italiani diventati “foreign fighter” ma contro l'Isis, tra cui anche alcuni torinesi come il filosofo ed esponente del centro sociale Askatasuna, Davide Grasso, che da poco ha pubblicato un libro che racconta la sua esperienza in Siria. Marcucci era arrivata in Medio Oriente per un progetto proprio del portale Infoaut che ha inviato una delegazione nelle zone controllate dai curdi: “Le donne si sono organizzate collettivamente per rispondere a ognuna di queste esigenze e ogni giorno si trova il modo per superare i nuovi ostacoli – aggiunge la ragazza - Le loro organizzazioni sono autonome: sono le donne la soluzione ai problemi delle donne. In questo solco sono nate le Ypj, Unità di difesa delle Donne, un corpo militare che ha saputo riportare straordinarie vittorie sul campo di battaglia; hanno liberato migliaia di persone dall’orrore dell’Isis, le proteggono dal regime siriano, non hanno mai arretrato di fronte agli attacchi di uno stato fascista e patriarcale armato di arsenali come la Turchia”.

Dalla militante No Tav arriva anche un appello a chi resta in Italia: “Le nostre lotte

quotidiane contro la violenza sociale e delle istituzioni hanno tanto da condividere con quello che accade in Siria. La libertà e i saperi conquistati dalle donne qui sono la nostra libertà e i nostri saperi, come ogni nostro avanzamento è anche loro. Viviamo in contesti diversi, sì, come diverse sono le forme della violenza usata contro di noi, ma il nemico è lo stesso. Ovunque c’è violenza c’è un modo per difendersi, insieme”.

Fonte: la repubblica.it