Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli Turchia. Processo Dermirtas, sparisce il computer dell’avvocato con i dati per smentire le false accuse


Turchia. Processo Dermirtas, sparisce il computer dell’avvocato con i dati per smentire le false accuse

di Shorsh Surme –
La Turchia di Erdogan non si smentisce e a pochi giorni dal processo ingiusto intentato nei confronti del presidente del Partito......... Democratico dei Popoli (Hdp) Selahattin Demirtas, è stato rubato il computer del suo avvocato difensore, dove teneva tutti i documenti che potevano scagionare il politico curdo dalle false accuse..
Infatti nella tarda serata di domenica ignori hanno fatto irruzione nell’ufficio dell’avvocato Mehmet Emin Aktar a Diyarbakir (Amed), la capitale del Kurdistan della Turchia (Kurdistan del Nord), prelevando il suo computer che conteneva informazioni relative al processo Demirtas.
Demirtas, co-presidente dell’Hdp, è chiamato a difendersi da pensanti accuse legate al terrorismo e di legami con il partito del Lavoratori del Kurdistan (Partiya Kerkarani Kurdistan, Pkk), del tutto infondate; il partito è stato votato dal popolo curdo ed anche da una buona parte dei turchi democratici, tanto che nel 2015 era riuscito a sbarrare la strada a Erdogan alle elezioni con la sua storica entrata in Parlamento, conquistando 59 seggi.
L’Hdp ha continuato a negare le accuse, usate del governo del “sultano” Recep Tayyip Erdogan per reprimere l’opposizione.
La Turchia è divisa tra coloro che sono fedeli a Erdogan e quelli che non lo sono, e questi ultimi vengono automaticamente etichettati come “terroristi”, “traditori” o “nemici” da un regime che è sempre più autoritario. Erdogan e il suo partito dimenticano che non c’è democrazia senza opposizione.
Ora vedremo cosa succederà il 7 dicembre prossimo, quando comincerà il processo con le false accuse.