Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli Kurdistan Irq. Bombardamenti turchi su Qesre e Cuman


Kurdistan Irq. Bombardamenti turchi su Qesre e Cuman

di Shorsh Surme

Il “sultano” turco Recep Tayyp Erdogan Erdogan non si smentisce mai, e dopo aver........ massacrato la popolazione curda nel Kurdistan della Siria, ieri sera ha cominciato a bombardare la zona di Balkayaty presso le cittadine di Qesre e Cuman, nel Kurdistan dell’Iraq (Sud Kurdistan), uccidendo 4 giovani che erano ignari di tutto e stavano festeggiando il Newrooz, il capodanno curdo.
Ormai tutto è permesso a questo individuo che sta per portare la Turchia su una strada di non ritorno. Erdogan è disposto a fare di tutto e dare tutto per raggiungere i suoi obbiettivi.
Infatti solo un mese fa la Turchia concedeva alla Gazprom , il colosso energetico russo di proprietà governativa, l’esenzione da diversi requisiti fiscali di milioni di dollari per le sue operazioni di conduttura sulla piattaforma continentale turca, quale segno di cooperazione tra le due nazioni.
Guarda caso proprio il giorno dopo la Russia di Putin ha dato il via libera ad Ankara per un’invasione a lungo minacciata dell’enclave di Afrin, nel Kurdistan siriano, nello stesso giorno in cui Putin ha conquistato la presidenza russa per la quarta volta.